ROBOT: l'incredibile marchingegno di un'azienda santermana

Trasportare facilmente pesi fino a 350 kg evitando elegantemente gli ostacoli; sapersi orientare immediatamente in qualsiasi direzione e in qualsiasi ambiente avendo elaborato prontamente una mappa del luogo; condividere le notizie acquisite da altri "marchingegni" e quindi arricchire sempre più il proprio database...

Stiamo parlando sicuramente di un romanzo di fantascienza ambientato in un lontano futuro...

E invece no! Il futuro è approdato qui, e precisamente a Santeramo in Colle, nella nostra cittadina, e in un'azienda santermana!

Davide Mannone e Rocco Nicola Lombardi, team leader di una sezione della software house santermana Code Architects, fondata da Giuseppe Dimauro e Francesco Balena nel 2009, avevano cominciato già da anni a progettare e costruire un robot per utilizzo industriale.

Dopo soli quattro anni di elaborazione, nel 2016 il robot OmniAGV 4.0 è stato completato e in seguito presentato a numerose aziende, tra cui la Bosch e la Natuzzi.

Ma per capire meglio cosa fa questo robot bisognerebbe partire dal suo nome.

AGV significa Automated Guided Vehicle, ossia Veicolo Controllato Automaticamente; mentre Omni sta per Omnidirezionale, cioè il sistema di movimento del robot, che infatti utilizza uno speciale tipo di ruote chiamate Mecanum, che gli permettono di muoversi in ogni direzione istantaneamente, senza dover sterzare.

Questo robot può muoversi con rapidità e precisione per spostare da un luogo all'altro carichi pesanti fino a 350 kg.

Per potersi muovere automaticamente, il robot ha bisogno di un punto di partenza, un punto di arrivo e di una mappatura dell'ambiente.

Quando l'OmniAGV si trova in zone mai esplorate, è in grado di scannerizzare l'ambiente che lo circonda grazie agli scanner laser, che svolgono una doppia funzione: catturare una pianta dello spazio in cui il robot si trova e saper individuare la presenza di eventuali ostacoli e/o persone per evitarli, grazie al sistema di movimento omnidirezionale.

Il robot è inoltre in grado di lavorare "in flotta", quindi in gruppo con altri OmniAGV 4.0, e pertanto può spartirsi il lavoro, collaborare per sollevare un peso che supera la portata massima di un singolo robot e condividere le informazioni raccolte singolarmente, come per esempio le mappe di ogni zona visitata.

Per gestire ogni unità OmniAGV, viene fornito un programma che funge da interfaccia unica di controllo, per i percorsi e per monitorare la diagnostica di ogni robot.

Ogni unità robotica ha un'autonomia che va dalle tre alle otto ore di indipendenza, in base alla difficoltà del lavoro svolto. Quest'autonomia è garantita da batterie ricaricabili di diverso genere: al piombo (Pb), ai polimeri di litio (LiPo) o al Litio-Ferro-Fosfato (LFP).

E per finire, nelle giornate 16, 17, 18 e 19 maggio l'OmniAGV 4.0 è stato presentato alla fiera dell'Innovazione di Colonia "InterZum".

Complimenti al team Code Architects per la creazione di questo prodigio robotico che aiuterà nella gestione dei carichi molte aziende, e grazie a Davide per la sua disponibilità a farsi intervistare.

Fabio Fraccalvieri

Rocco Giampetruzzi

Raffaele A. Volpe